Lo Studio Legale Papadia fornisce assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia di locazione (Intimazioni di licenza per Finita Locazione e Sfratto per morosità o per finita locazione), condominio e rapporti di vicinato.
In particolare, si fornisce assistenza in merito alla redazione di contratti di locazione (sia ad uso abitativo che ad uso diverso), si affrontano le questioni connesse agli obblighi del locatore e del conduttore, al condominio degli edifici, al recupero del canone da parte del locatore e delle spese condominiali da parte degli Amministratori.
Lo Studio di occupa anche dei rapporti di vicinato per la risoluzione di tutti quei contrasti che possono sorgere tra vicini, alla ricerca primaria di una soluzione bonaria e concordata. A titolo esemplificativo, ricordiamo i motivi che portano con più frequenza al sorgere di litigi tra vicini: atti di emulazione ossia atti che hanno il solo scopo di nuocere o di arrecare molestia al vicino, immissioni (fumo, calore, rumori ed esalazioni), distanze tra costruzioni, luci e vedute, rami protesi e radici.

 

In quali casi si può richiedere lo sfratto?

Il procedimento per ottenere la convalida di sfratto può avviarsi ad opera del locatore:

- per finita locazione: quando il contratto è scaduto o sta per scadere;
- per morosità: in caso di mancato pagamento del canone decorsi venti giorni dalla scadenza prevista, oppure in caso di mancato pagamento, nel termine previsto, degli oneri accessori, quando l'importo non pagato superi quello di due mensilità del canone.

In tutti i casi la procedura si avvia con una intimazione, rivolta dal locatore al conduttore, di lasciare libero l'immobile, con contestuale citazione in Tribunale in udienza del conduttore per la convalida.

In udienza il conduttore può decidere:

- di non comparire, e in tal caso il Giudice ordina la convalida esecutiva efficace dopo 30 giorni;
- di presentare opposizione, ma se questa non è fondata su prova scritta, il Giudice concede comunque il rilascio dell'immobile, con ordinanza immediatamente esecutiva;
- di comparire e, se si tratta di uno sfratto per morosità, chiedere che venga concesso un termine di grazia (non superiore a 90 giorni) per consentire il pagamento dei canoni non onorati. 

 

AVVERTENZA:

I contenuti di questa pagina si riferiscono a fattispecie generali e non possono in alcun modo sostituire il contributo di un professionista qualificato.
Per ottenere un parere legale in ordine alla questione giuridica che interessa è possibile richiedere una consulenza on-line (vedi nell'apposita sezione) oppure fissare un appuntamento con il nostro Studio Legale.
Gli autori declinano ogni responsabilità per errori od omissioni nonché per un utilizzo improprio o non aggiornato delle informazioni contenute nel sito.